• Il settimo

Ancora Depeche Mode.
1993, Songs of Faith and Devotion.
Un capolavoro.

Higher Love chiude il disco in maniera sublime e si staglia nel panorama musicale come una delle loro canzoni più belle, in assoluto.

I can taste more than feel
This burning inside is so real
I can almost lay my hands upon
The warm glow that lingers on
Moved, lifted higher
Moved, my soul’s on fire
Moved, by a higher love
I surrender all control
To the desire that consumes me whole
Leads me by the hand to infinity
Lies in wait at the heart of me
Moved, lifted higher
Moved, my soul’s on fire
Moved, by a higher love
By a higher love
Heaven bound on the wings of love
There’s so much that you can rise above
Moved, lifted higher
Moved, moved by a higher love
By a higher love
I surrender heart and soul
Sacrificed to a higher goal
Moved, moved by a higher love
By a higher love
By a higher love
By a higher love
By a higher love
By a higher love
By a higher love
By a higher love
Higher love
Higher love

Stupenda.

Il passo “Moved by a Higher Love” mi piace moltissimo.
Non arrivo a dire che mi possa rappresentare, perché sarebbe troppo.
Ma è un verso infinitamente poetico e, nel contempo, sensualissimo.
Che va oltre il significato meramente “sentimentale” ed esplora l’amore nelle sue forme più elevate e più profonde.

Brano intriso di misticismo, di passione, di energia, di eccitazione, di paranoia.
Senza sconti e senza compromessi, perché in amore non sono previsti.
E con la massima devozione, perché in amore è condizione imprescindibile.

Il resto è, come al solito, nulla cosmico.

Avambraccio sinistro esterno.
Uno dei miei tatuaggi preferiti.

Credo che sia abbastanza raro, in questa versione a pelle.

V74

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.