• Incredibile, ma vero…

Una eccellenza ischitana.

Condivido piacevolmente (e con un pizzico di sana fierezza) uno dei tanti articoli delle più importanti testate giornalistiche che sul web raccontano del trionfo di un isolano, Alessandro Slama, premiato a Milano nella rinomata fiera di settore Host come autore del “Miglior Panettone Artigianale Tradizionale al Mondo”.

Complimenti vivissimi ad Alessandro e, pur tra le non poche cose che spesso generano fastidio in zona, una notevole soddisfazione per Ischia, stavolta per meriti umani -passione, sacrificio e competenza- piuttosto che, come da copione abituale, per la straordinaria unicità della sua Natura.

Un plauso anche alla Pasticceria Gabbiano di Pompei, altra eccellenza campana sotto i riflettori, che porta a casa il Premio della Critica.

⬇️ Il Giorno

Milano, il miglior panettone artigianale? E’ di un ischitano

Trionfa Alessandro Slama. Ad un altro campano, Salvatore Gabbiano, il premio della critica

La premiazione di Alessandro Slama
La premiazione di Alessandro Slama

Milano, 20 ottobre 2019 – E’ made in Campania il miglior panettone artigianale tradizionale al mondo. Almeno secondo la giuria di tecnici composta dai maggiori pasticcieri, chef nazionali e internazionali del Panettone world championship, contest internazionale organizzato dai Maestri del lievito madre da Host a Milano. A realizzarloAlessandro Slama del locale “Ischia Pane” di Ischia, la celebre isola in provincia di Napoli. 

Il maestro panificatore Slama è nato ad Ischia e fin da piccolo ha studiato l’arte dei lievitati e del lievito madre. La passione per questo mestiere lo ha spinto a viaggiare, acquistando molte abilità e capacità e diventando tecnico e maestro per alcune scuole e aziende. Allievo del grande maestro Rolando Morandin, ha partecipato inoltre a molti corsi affiancando importanti Maestri, dai quali ha appreso nuove tecniche e metodologie. Nel 2011 ha vinto il primo premio per il Dolce da forno alla manifestazione Sigep Bread Cup a Rimini. Nel 2004 è nato a Ischia Pane, punto storico dell’isola. Nel 2015 ha aperto, sempre a Ischia, un nuovo punto vendita, dove vince sempre la regola del lievito madre ma con un tocco d’innovazione.

Il vincitore ha così sbaragliato non solo i compagni di gara di Milano, città che diede i natali a “El pan de Toni”, ma anche i colleghi italiani e internazionali. Alla competizione infatti hanno preso parte 32 professionisti da tutta Italia e anche dall’estero: Tokyo, Sydney e New York. “E’ una gioia indescrivibile per me aver vinto – ha commentato emozionato Alessandro Slama, il vincitore – Questa vittoria è il premio all’impegno, alla passione e ai sacrifici miei e della mia famiglia”.

Una giuria composta da esperti giornalisti, gourmet e accademici della cucina italiana ha invece scelto quale panettone incoronare con il premio della critica. Questo è andato a un altro campano: Salvatore Gabbiano della Pasticceria Gabbiano di Pompei, sempre in provincia di Napoli. “Vincere il premio della giuria critica, composta da giornalisti e critici enogastronomici esperti e preparati, è un vero onore”, ha commentato Gabbiano. Nel pieno centro di Pompei, la Pasticceria Gabbiano offre tutti i dolci della tradizione napoletana. Ma non solo. Salvatore Gabbiano, membro della prestigiosa Accademia dei Maestri Pasticcieri, produce anche ottimi panettoni fatti con burro, lievito naturale e tanto lavoro. E dal suo quartier generale all’ombra del Vesuvio i suoi panettoni hanno conquistato tutta Italia. La tradizione dolciaria partenopea fatta di meraviglie golose e imperdibili incontra, con Salvatore, la grande tecnica dei lievitati. Ne nascono panettoni creativi e unici.

da www.ilgiorno.it

V74

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.