• Il Reno Romantico…

Ho girato la Germania in lungo e largo.

Oggi voglio spendere qualche parola per Boppard, una ridente cittadina situata nel versante sud-occidentale del paese, più precisamente nel Land della Renania-Palatinato.

La zona è patrimonio Unesco e lo è con pieno merito.

Boppard si affaccia sul fiume Reno, corso d’acqua quanto mai maestoso ed imponente, in una gola particolare che viene definita come facente parte del medio Reno superiore.

Questo fiume rappresenta una vera e propria autostrada fluviale, trafficatissima e basilare per i trasporti delle merci tedesche.

Ho visitato questa area teutonica in diverse occasioni, sia in coppia che in solitaria, e vi sono molto legato.

A seconda delle stagioni Boppard regala scorci e percorsi diversificati.

Dovessi consigliare un periodo per passarci qualche giorno, suggerirei la primavera inoltrata e l’inizio dell’autunno: nel primo caso il meteo è solitamente favorevole, placido e rilassante, con una atmosfera che invoglia al riposo ma senza tralasciare il movimento.

Un ossimoro che ben si confà con il luogo, ricco di verde e di passeggiate panoramiche, con una seggiovia molto caratteristica (Sesselbahn) che si staglia dalla prima periferia del paese e giunge sino al GedeonsEck, dal nome del poeta Gedeon von der Heide che in questi lidi espresse la sua arte.

Qui, dopo oltre 200m di dislivello, si riesce a godere della splendida vista del Vierseenblick, così detto in quanto la prospettiva ingannevole delle anse del fiume sembra tratteggiare la visione di quattro laghi. 

Volendo si può salire anche a piedi, con una camminata invero non eccessivamente impegnativa.

Sulla collinetta ci si può inoltre rifocillare con bevande e cibi di buon livello, con logico sovrapprezzo rispetto alle zone più centrali della cittadina.

In autunno invece vi è una più spiccata incostanza meteorologica, ma non mancano le belle giornate ed un giorno si e l’altro pure si organizza qualcosa per omaggiare Bacco e i suoi tanti adepti.

Un altro must di Boppard riguarda le gite in barca sul Reno.

Ve ne sono diverse, soprattutto in alta stagione, e per tutti i gusti, con itinerari che svariano dal classico giro di 1 ora nei dintorni sino a vere e proprie gite giornaliere con andata e ritorno a coprire quasi una intera giornata di vacanza.

Nei periodi di vendemmia, quando Boppard regala scenari unici e assaggi enogastronomici di ottima fattura, vengono offerte diverse opzioni di viaggio, con inclusi tour del Reno e fuochi d’artificio per celebrare i vari eventi della zona.

Idem a Natale e Capodanno, meteo permettendo, con i Mercatini a farla da padrone ed un’atmosfera davvero speciale, col Glühwein (vino caldo ad altissima gradazione alcolica) a dominare la scena unitamente ad alcuni dolci locali ed ai salumi tedeschi che son qualcosa di clamoroso, soprattutto a livello di calorie.

A Boppard si mangia bene, si paga il giusto e, con una certa attenzione, si può bere anche più che discretamente, a patto di sapersi destreggiare tra le tante offerte vinicole delle cantine locali.

Naturalmente nei periodi di feste ed eventi i costi per soggiornare qui aumentano parecchio e, logicamente, le disponibilità vanno scemando.

Tra hotel ed appartamenti non serve nemmeno segnalare uno piuttosto dell’altro: la qualità media degli alloggi è più che sufficiente e l’ospitalità assolutamente meritevole di plauso.

Consiglio almeno un paio di giorni per un soggiorno che consenta di visitare bene il luogo.

Segnalo pure una webcam, mobile ed incentrata sul passaggio fluviale, dal quale si può osservare la ferrovia che sferraglia dal loto opposto dell’inquadratura e la piccola e sfiziosa cittadina di Filsen: si può trovare sul sito dell’albergo “Bellevue Rheinhotel”.

Natura rigogliosa, paesaggi incontaminati, buon vino, fiume, treni, cibo adeguato, atmosfera rilassante, passeggiate salutari, storia e cultura…

Niente male, davvero.

Buon viaggio!

V74

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.